Verra Grande 2005

La lingua di ablazione del ghiacciaio di Verra è particolarmente significativa, anche per la morfologia relativamente semplice che permette di osservare e misurare gli arretramenti. Il settore destro (orografico) della lingua, a partire dal punto di fuoriuscita del torrente subglaciale, risulta in gran parte debris covered e non è quindi possibile rilevare la posizione precisa della fronte; per questo motivo nella cartografia viene riportata solo la traccia del settore sinistro della fronte.  E’ tuttavia facilmente individuabile con precisione il punto di fuoriuscita del torrente (porta glaciale). Con riferimento a questo punto, tra il 2004 e il 2005 si registra un arretramento di circa 40 m, mentre rispetto alla posizione riportata nella cartografia (rilievo 1999) la distanza è di 459 m.

La fase di ritiro è evidenziata anche da diversi processi osservabili nella zona frontale.

  • la diminuazione di spessore della massa glaciale: si noti, nello foto, il blocco di dimensioni plurimetriche che nell'estate 2004 è ancora in parte coperto di ghiaccio mentre nell'estate 2005 risulta completamente scoperto;
  • il progressivo distacco del ghiaccio dal substrato e la formazione di cavità.
La posizione della fronte nell’autunno 2005.
La posizione della fronte nell’autunno 2005.

Settembre 2005 - Ripresa della fronte da caposaldo. Si notano la parziale copertura detritica del settore destro della fronte e lo scollamento del ghiaccio dal substrato.
Settembre 2005 - Ripresa della fronte da caposaldo. Si notano la parziale copertura detritica del settore destro della fronte e lo scollamento del ghiaccio dal substrato.

Estate 2005: masso di dimensioni decametriche emerso dal ghiacciaio.
Estate 2005: masso di dimensioni decametriche emerso dal ghiacciaio.

Estate 2004: il masso decametrico era ancora coperto dal ghiacciaio.
Estate 2004: il masso decametrico era ancora coperto dal ghiacciaio.

Cavità al margine della lingua in prossimità della fronte.
Cavità al margine della lingua in prossimità della fronte.

Attività glaciologiche © 2010 Fondazione Montagna sicura